La « vente » du logo Garibaldi à Nice fait des remous chez nos amis transalpins... qui n'apprécient pas du tout, et avec juste raison, qu'un mercantilisme anti-garibaldien salisse la mémoire du héros au moment où il convient de l'honorer. Citons un extrait du compte rendu d'Andrieu Toscani dans Italia Tricolore; même ceux qui ne parlent pas italien comprendront :

« ... Un sedicente comitato onoranze all'Eroe, comitato autoproclamatisi [...] mentre i mebri sono persone che non godano di acune stima tra il veri Nizzardi, ha messo in vendita, tra gli operatori commerciali, il logo del bicentenario da applicare sui sui loro prodotti... per 15 000 euros !! E nella lettera d'accompagnamento scrivono che il logo è « destinato a grantire un utilizzio commerciale dell'eroe nizzardi CONFORTEMENTE alle tradizioni garibaldine (sic !) La tradizioni garibaldine era improntate al disinteresse, quando non al disprezzo per il denaro ed à intollerabile che certi marpione si vogliano arricchire sulla memoria di un uomo che, rifiutando ricchezze ed onori, visse i suoi ulltimi giorni a Caprera come avrebbe vissuto un modesto agricoltore d'ell'entroterra nizzardo !... »

Les Nouvelles Niçoises, juillet 2007